COME SCEGLIERE UN COSTUME DA ALLENAMENTO PER IL NUOTO

Scegliere un costume da nuoto puó sembrare una cosa semplicissima, ma in realtá chi nuota sa bene che non lo è.

La scelta di un costume comodo, è molto importante per poter eseguire un piacevole allenamento.

Ma quali sono gli elementi da considerare nella scelta di un costume?

Ci sono diversi fattori da prendere in considerazione. Spesso ci fidiamo soltanto della marca, in realtá tra i fattori da valutare il tessuto è un elemento chiave.

Esistono costumi con maggiore durabilitá e resistenza, costumi più compressivi, costumi più leggeri, più ‘duri’, ed esistono diversi modelli più o meno sgambati. La scelta di un tessuto o di modello, è del tutto soggettiva, l’importate è che sia resistente al cloro e che abbia una piú lunga durabilitá.

Ricordiamo che la durabilitá non solo è data dal tessuto, ma dalla frequenza d’uso, dalla concentrazione di cloro nell’acqua ed anche dal modo in cui abbiamo cura del nostro costume.

Parlando di tessuti, vorrei riportare le differenze tra il Poliestere, Spandex e il PBT.

POLIESTERE

Il poliestere è una delle fibre articificiali piú popolari nell’ industria moderna. Si tratta di un tessuto leggero, con superficie liscia, ha un alto grado di resistenza e flessibilitá, non è soggetto a deformazioni dovute allo schiacciamento, è resistente al cloro e mantiene il suo colore, di contro una elevata elettrizzazione delle fibre e densitá di tessuto.

 

SPANDEX conosciuto con il nome di Lycra.

Spandex chiamato in tutta Europa elastan, è una fibra sintetica caratterizzata da un filo elastico continuo di poliuretano.

Lo spandex per intenderci è quel materiale che genericamente chiamiamo Lycra, estensibile che mantiene la sua forma quando lasciato libero. Le proprietà più importanti del tessuto in lycra sono: la resistenza nel tempo e la sua capacitá di estensione. Di base questa fibra non è resistente al cloro. Le fibre elastiche infatti, sono quelle che piú vengono logorate dal cloro. Esistono comunque dei trattamenti che vengono realizzati che consentono una maggiore protezione dal cloro.

 

PBT 

I tessuti in PBT (polibutilene tereftalato) sono famosi nel mercato del nuoto soprattutto per le caratteristiche di durabilitá nel tempo.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un boom del PBT nel mondo del nuoto. Sicuramente la resistenza e elevata durabilitá sono aspetti da tenere in considerazione. Il pbt a differenza dell’Elastane ha peró una minore  elasticitá, é per questo che alcuni costumi con alta densitá di PBT risultano talvolta rigidi e poco elastici.

Per quanto riguarda la scelta del modello, modelli piú sgambati permettono senza dubbio migliore libertá di movimentoe della gambata. L’inconveniente nella scelta di costumi piú sgambati, è quello di rimanere piú “nudi” in acqua, ma infondo al nuotatore piú esperto questo non preoccupa troppo.

Awaya andando incontro alle diverse esigenze del nuotatore, ha creato la linea Swimsuit  combinando i due tessuti : 80% Poliestere, e 20% Elastane. Il poliestere infatti si combina perfettamente con l’elastan (film morbido), un mix 80-20 che ha permesso di ottenere un costume elastico, morbido e resistente al cloro, grazie agli ulteriori trattamenti realizzati anti cloro e anti peeling.

Per quanto riguarda la cura del costume.

Al fine di mantenerne la sua durabilitá, consigliamo di sciacquarlo con acqua fredda subito dopo l’allenamento, non strizzatelo e soprattutto non tenetelo chiuso a lungo in borsette di plastica o avvolto tra l’asciugamano.

Fate asciugare il costume all’aria, evitando di mantenerlo a lungo sotto i raggi del sole.

 

Swimsuit Man AWAYA

You may also like

Leave a comment